Italia, News

Con il proporzionale c’è bisogno di accordi non di veti

Il 25 marzo su questo blog veniva pubblicato il post: “non è dall’elezione dei Presidenti delle Camere che si giudica un’alleanza“. Il tempo sembra andare in quella direzione. Non bisognava avere la sfera di cristallo per prevederlo, bastava aver masticato un po’ di politica, cosa che la gran parte dell’attuale classe politica non ha mai fatto come molti cronisti e analisti dell’ultima ora.

Si pensava che l’elezione dei Presidenti delle Camere era solo il primo passaggio verso l’accordo per il governo. Una pia illusione, chi ci ha creduto e chi l’ha raccontata ha la memoria corta, bastava andare a rileggere quello che è successo a Bersani dopo l’elezione di Grasso e della Boldrini. Eppure Bersani una maggioranza alla camera l’aveva, ma quello fu l’unico e ultimo risultato di quella legislatura. In quella fase tutti cedono qualcosa nella convinzione che al secondo giro, quello che conta, toccherà a loro.

Oggi, alla luce del ritorno del proporzionale, questo scenario è ancora più vincolante. Per la scelta del Premier dovrebbe essere applicato lo stesso principio adottato per eleggere Fico e la Casellati, ognuno fa un passo indietro per arrivare ad un accordo, una sintesi, un compromesso, ma è difficile per coloro che in questi anni hanno chiamato gli accordi inciuci, descrivendoli come forme degenerate quasi illegali di pratica politica e che si esercitano dalla mattina alla sera nel mettere veti e condizioni.

Se a prevalere sono i veti, cioè l’opposto di quello che un sistema proporzionale richiede per determinare una maggioranza nel Parlamento, non si fa molta strada anche se hai eletto in accordo i presidenti delle Camere.

Arriva lo stallo, il blocco. Veti e controveti, si parla solo di questo, mentre l’economia continua a crescere e la sicurezza sembra essere scomparsa dall’orizzonte. Sta a vedere che in Italia, come è già successo in Belgio e Spagna, le cose vanno meglio senza un governo, nemmeno quello eletto dal “popolo”.

Vedremo…

Leave a Comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi